10 consigli per combattere il caldo a tavola

10 consigli per combattere il caldo a tavola

Il caldo eccessivo e l’afa possono mettere a dura prova il nostro corpo. Come difendersi dalle temperature bollenti a partire dalle nostre abitudini alimentari? Ecco 10 consigli pratici per ridurre i rischi dell’afa.

Bere a volontà

Bere almeno due litri d’acqua (8 bicchieri) al giorno, soprattutto nelle giornate calde. Una buona abitudine è bere un bicchiere d’acqua appena svegli e uno prima di andare a letto. Con le alte temperature e l’aumento della traspirazione il corpo rischia di disidratarsi piu’ velocemente. In particolare i bambini, gli anziani e le donne incinte devono bere anche senza lo stimolo della sete. Si consiglia di moderare il consumo di bevande zuccherate o alcoliche e privilegiare i centrifugati di frutta senza aggiunta di zucchero.

Non saltare i pasti

A volte con il caldo si puo’ avvertire una mancanza di appettito. E’ invece molto importante mantenere il numero e l’orario dei pasti, privilegiando la prima colazione. Il momento piu’ importante per il corpo che, dopo il digiuno notturno, assume il « carburante » necessario per l’intera giornata. Si consiglia quindi una prima colazione equilibrata per poter partire con il piede giusto.

Piu’ frutta, verdura e Yogurt

Aumentare il consumo di frutta e verdura fresca, privilegiando quella di stagione. Lo yogurt, preferibilmente senza zucchero, puo’ essere introdotto come spuntino. Si consiglia inoltre di consumare oltre alla frutta fresca anche quella secca, ricca di magnesio, potassio e ferro, senza esagerare per via delle calorie.

Piu’ cibo a colori

Variare il colore delle pietanze è un trucco per essere certi di assumere tutte le proprietà nutritive degli alimenti, soprattutto vegetali.
L’aspetto « colorato » dei prodotti dell’orto è dato dalla presenza di pigmenti e vitamine. Mangiare sempre le stesse cose con gli stessi colori (per esempio insalata verde) significa avere un apporto limitato di nutrienti.

No ai cibi elaborati, si ai pasti leggeri

Bandire i cibi grassi, elaborati, fritti e prediligere i cibi leggeri per facilitare la digestione. Preferite le cotture al vapore, al cartoccio o alla griglia.

Meno sale nelle pietanze

Limitare il sale è sempre una buona regola ma con il caldo è ancora piu’ importante. Il sale trattiene i liquidi, quindi è meglio usarne poco, soprattutto d’estate, per evitare gonfiore o ritenzione idrica.

Si a carne bianca e pesce digeribile

Per contrastare le alte temperature preferite la carne bianca al posto della rossa, piu’ digeribile. Attenzione ai salumi, molto calorici e con grassi saturi. Privilegiate il pesce azzuro : merluzzo, sgombro, alice, acciughe e la sogliola, ottima anche per i bambini.

No ai pasti completi

Evitate i pasti completi con primo, secondo e contorno. Soprattuto se siete in vacanza e soggiornate in albergo. Privilegiate pasti unici e bilanciati abbinando riso e pasta con verdure o carne, pesce, uova con verdure.

No alle bevande ghiacciate e zuccherate

Con il caldo siamo piu’ portati ad assumere bevande ghiacciate ma fate attenzione perchè possono causare congestioni e problemi all’apparato digerente. Tutte le bibite zuccherate sono da evitare in quanto sembrano appagare la sete ma si tratta di un effetto temporaneo. Inutile ribadire che per l’elevato contenuto di zuccheri, conservanti e coloranti sono particolarmente caloriche e quindi da evitare o consumare con grande moderazione.

Attenzione alla conservazione dei cibi

Il caldo provoca il deperimento piu’ veloce dei cibi. Fate quindi attenzione alla loro conservazione, soprattutto d’estate. Rispettate la catena del freddo per gli alimenti che lo richiedono (borsa termica in viaggio o ai pic-nic). Evitate di riempire il frigo e privilegiate cibi freschi.

Caterina Luchetti
Caterina Luchetti

Insegnante di Qi Gong, Meditazione e Life Coach. Sono Marchigiana e vivo a Nizza da più’ di 14 anni. Il mio percorso è il risultato di tanti incontri e di una sola morale « Nulla accade per caso ».
e-mail: caty.slowlife@gmail.com

Find me on: Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *