Francia, una “carta del benessere” contro l’anoressia e lo sfruttamento lavorativo.

carta del benssere contro anoressia
Photo by Flaunter.com on Unsplash

Due delle più note ed importanti società internazionali francesi del settore della moda hanno firmato un accordo per tutelare salute e benessere psico-fisico di modelle e modelli.

L’obiettivo è di tutelare ragazze e ragazzi nello svolgimento di un lavoro che appare affascinante e ben retribuito, ma che cela altresì condizioni di lavoro al limite dello sfruttamento.

La Lvmh di Bernard Arnault e la Kering di Francois Pinault, Società internazionali che detengono marchi come Gucci, Louis Vuitton, Fendi, Tiffany, Dior e Berluti, hanno deciso di dar vita congiuntamente ad una “carta del benessere“, per contrastare l’utilizzo di modelle e modelli troppo magri e troppo giovani nell’ambito di sfilate, campagne pubblicitarie e servizi fotografici.

Alla base di tale accordo tra queste grandi società di moda ha concorso lo scandalo della denuncia per maltrattamenti che James Scully, direttore di casting di modelle, aveva lanciato tramite Instagram: in un post, infatti, aveva raccontato di come 150 ragazze in attesa di provino fossero state lasciate quasi al buio in un sottoscala per delle ore.

Inizialmente il figlio di Bernard Arnault, Antoine, aveva invitato chiunque avesse saputo di situazioni simili a contattarlo per denunciare ciò.

Anche Pinault, da parte sua, si era dato da fare per conoscere ed arginare comportamenti similari, compreso denunce alla Polizia. Non solo, Pinault aveva chiamato Arnault per proporgli di dar vita insieme ad un’iniziativa: “la carta del benessere”.

In pratica l’accordo tra i due colossi della moda comporta che i marchi dei due gruppi s’impegnino concretamente a lavorare solo con modelle e modelli le cui condizioni di salute e idoneità al lavoro siano confermate da un certificato medico rilasciato nei 6 mesi precedenti all’evento per il quale sono stati selezionati (e non più negli ultimi 2 anni).

Ragazze e ragazzi scelti per i servizi fotografici e le sfilate devono essere in possesso di determinati requisiti fisici. Ovvero: le donne devono vestire almeno la taglia 38 mentre gli uomini almeno la 48: taglie 36 e taglie 46 sono bandite.
Non solo, le condizioni di lavoro devono essere adeguate, così come gli orari, con tutte le ore di sonno dovute. E’ anche previsto che in condizioni gravose di lavoro sia presente uno psicologo, al fine di garantire anche benessere e sostegno psicologico alle persone.

L’immagine degli adolescenti al di sotto dei 16 anni deve essere adatto alla loro età (e non simulare l’immagine di un adulto). Coloro che hanno un’età compresa tra i 16 e i 18 anni non possono essere impiegati in attività notturne (dalle 22.00 alle 06.00 del mattino) e devono essere accompagnati da un familiare o da un tutore che potrà alloggiare nella stessa struttura.

E ancora, le agenzie di casting devono assicurarsi che modelle e modelli abbiano assolto agli obblighi scolastici. Ultimo aspetto, non meno importante, occorre sia garantita la presenza di una persona cui potranno rivolgersi in caso di problemi o reclami le modelle ed i modelli.

A controllare la buona applicazione di tale accordo e per monitorare il buono svolgimento degli eventi, le due Società hanno dato mandato a loro rappresentanti di partecipare a incontri collegiali almeno due volte l’anno.

Massimo Felici
Massimo Felici

Di formazione Psicologo e Psicoterapeuta ho lavorato per molti anni a Milano sia nel mio studio privato che presso Comunità per adolescenti ed Associazioni Onlus milanesi. Sin dall’inizio della mia professione mi sono interessato alle tecniche corporee come il Training Autogeno ed alla bioenergetica, intese come integrazione alla psicoterapia “tramite la parola”.
e-mail: massimofelici52@gmail.com

Find me on: Web | Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *