Scegliere i regali di Natale, tra desideri e utilità

Il Natale si sta avvicinando. Per i bambini è una grande felicità preparare la lista dei regali e aspettare con impazienza il momento magico in cui i loro desideri diventeranno realtà. Per i genitori rimane il dilemma: “Scegliere di offrire qualcosa di utile, oppure comprare quello che il bambino desidera? ”

Photo by Oleg Sergeichik on Unsplash

La parola “desiderio” indica il sentimento di ricerca appassionata di qualcosa che procura piacere e soddisfazione. Quando si parla di figli, noi genitori facciamo tutto il possibile per compiere i loro desideri. E nel ventunesimo secolo un desiderio fa presto a trasformarsi in realtà. Bisogna però riflettere al fatto che il desiderio non è necessariamente un bisogno. Esistono desideri che sono soltanto dei sogni meravigliosi, impossibili da realizzare nel futuro immediato. È importante insegnare ai bambini a sognare, sperare, desiderare, ma nello stesso tempo esercitarsi nella pazienza. Non avere tutto subito, ma piuttosto come premio per uno sforzo compiuto.
Spesso noi genitori facciamo fatica a metterci limiti negli acquisti di giocattoli per i figli, per poi constatare che il bimbo non apprezza quello che gli viene offerto. È vero, i bambini vogliono sempre più giochi, però bisogna spiegare loro (anche se può sembrare banale) che ci sono giochi non adatti alla loro età. Chiediamoci piuttosto: “Cosa faccio io, genitore, per contribuire allo sviluppo armonioso del mio bambino? Riesco a scegliere per il mio bambino giochi adatti all’età e al suo livello di sviluppo?”

Ecco alcuni consigli:

Comprare regali di Natale che aiutano veramente il bambino, che stimolano il pensiero, allenano la pazienza e nutrono l’immaginazione e la creatività.
Stabilire un budget da utilizzare per soddisfare i veri desideri del bambino. Nel ricevere il regalo tanto atteso, il bambino impara che i suoi desideri sono importanti. Il bambino di oggi è l’adulto di domani perciò bisogna lasciargli spazio per essere se stesso, per avere le proprie opinioni e imparare a fare le proprie scelte con spirito di responsabilità.
Essere acquirenti intelligenti: puntare sulla qualità anziché la quantità. Contrariamente a quello che potremmo pensare, offrire regali in abbondanza può rovinare la magia del Natale se il bambino considera che tutto gli è dovuto. Ricevere tanti doni, inoltre, diminuisce il livello di tolleranza alla frustrazione e contribuisce alla costruzione di attitudini egocentriche. L’eccesso di giocattoli provoca noia e impedisce lo sviluppo dell’immaginazione. Infine, quando il bambino riceve troppi regali, ha la tendenza di sminuire e di svalorizzare quello che possiede.

Maria Moraru
Maria Moraru

Laureata in Psicologia all’Università di Pavia (2009), la mia esperienza professionale è centrata sul bambino e sulle problematiche dell’età evolutiva. Ho avuto modo di lavorare con diversi tipi di handicap (soprattutto legati all’autismo), ma anche effettuare interventi socioeducativi, counseling genitoriale, accompagnamento personalizzato in caso di difficoltà di apprendimento. Nel 2014 mi sono trasferita a Nizza, dove sono nati i miei due bambini (1 anno e 3 anni).
Iscritta nel Répertoire des professionnels ADELI Alpes-Maritimes.
e-mail: maria_moraru@libero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *